Faq / Domande frequenti

Nella nostra sezione FAQ troverai a colpo d’occhio molte informazioni utili sul jODYN IoT. Nel caso in cui non trovassi risposta alle tue domande, puoi sempre contattarci all’indirizzo info@wenda-it.com o compilare il modulo contatti.

jODYN IoT può essere utilizzato per tutti quei prodotti sensibili che hanno la necessità di essere monitorati durante le fasi più delicate di viaggio verso il cliente, sia di trasporto che di stoccaggio.

È possibile monitorare un container con un singolo jODYN. Logicamente, dipende dal livello di granularità di conoscenza che si vuole ottenere: se, ad esempio, all’interno del container si verificano condizioni ambientali molto differenti tra un lato e l’altro, non è possibile cogliere queste differenze con un solo jODYN. La quantità di jODYN da inserire per ogni unità logistica dipende sia dall’esigenza che ha quel tipo di prodotto di essere monitorato sia dal valore del prodotto in questione.

I jODYN utilizzano la tecnologia NFC per comunicare con gli smartphone. Questo perché la tecnologia NFC è quella che assicura un minor dispendio energetico, permettendo ai nostri jODYN di avere molti sensori e mantenere comuque una lunga durata della batteria.
Una versione connessa direttamente alla rete internet, chiamata jODYN Live, sarà disponibile a partire da marzo 2018

Senza connessione internet è possibile visualizzare i parametri rilevati dai sensori nell’istante in cui avviene il “touch” con lo smartphone, ma non è possibile visualizzare i Dati Storici (quelli rilevati dai sensori da quando il jODYN è stato attivato). Questo per ragioni di sicurezza, perchè nel momento in cui vengono richiesti al jODYN i Dati Storici la piattaforma richiede un Log In, per essere certi che chi visualizzerà quei dati ne abbia effettivo diritto.
Con l’ultima versione di App è possibile scaricare i dati anche senza copertura purché il login sia stato effettuato in copertura.

I jODYN sono alimentati con una normale batteria da orologio. Il consumo di energia è molto ridotto e la carica può durare fino a 2 anni e 6 mesi, a seconda della quantità di sensori e dell’utilizzo. In ogni caso, la batteria è sostituibile.

il jODYN LIVE archi e invia la sua posizione ad ogni intervallo di invio dati prestabilito, il jODYN può segnalare la sua posizione tramite la App all’atto dello scritto dati

Una volta che i prodotti sono arrivati a destinazione, o in alcuni transit point, e i dati rilevati dai jODYN durante il viaggio sono stati inviati alla piattaforma, è possibile sapere cosa è successo durante il viaggio.
Da marzo 2018 sarà possibile sapere in “real time” cosa sta succedendo ai prodotti in viaggio; in ogni caso, ricevere i dati in condizioni quali nave e aereo è estremamente complesso, considerando tutte le limitazioni che il viaggio in nave e in aereo comportano in termini di copertura e autorizzazione di connessione alla rete.

Il costo della soluzione jODYN IoT è molto variabile in base al tipo di progetto che si vuole implementare e al numero di unità logistiche che si vuole monitorare. Wenda si propone di costruire progetti sartoriali basati sulle esigenze dei propri interlocutori. Questo permette a Wenda di avere un’enorme flessibilità, al posto di un listino prezzi fisso e rigido.

Il jODYN può essere fissato all’interno dell’unità logistica che si vuole monitorare, sia essa una scatola, un pallet o un intero container. In alternativa, può essere inserito meccanicamente tramite biadesivo o viti.

I jODYN sono riutilizzabili e hanno una durata della batteria fino a 2 anni e 6 mesi a partire dalla prima attivazione.

La batteria può durare almeno fino a 2 anni e 6 mesi, in base al numero di sensori presenti nel jODYN e all’intervallo di tempo tra due rilevazioni (configurabile in fase di attivazione del jODYN).

E’ possibile sapere dove è stata la spedizione nel momento dello scarico dei dati dal jODYN, per motivi di costi e dimensioni. In ogni caso, ricevere i dati in condizioni quali nave e aereo è estremamente complesso per ragioni tecniche indipendenti da Wenda. Da marzo 2018 sarà possibile ottenere questa informazione in “real time”, ove sia disponibile la connessione.

I componenti elettronici di jODYN sono stati testati per un funzionamento da -40°C a +85°C. È possibile rilevare temperature minori o superiori. Variando il modello di batteria, è possibile allargare il range di temperatura per l’intero device. L’importante è che venga comunicato, per apportare le necessarie modifiche all’interno del jODYN.

Al momento i dati rilevati non possono essere utilizzati come rivalsa dal punto di vista legale, ma solo relazionale, per la mancanza – a oggi – di prodotti assicurativi che prevedano l’adozione di soluzioni IoT durante i trasporti.

No, i jODYN sono stati testati in laboratori accreditati e hanno la certificazione CE.

Al momento la App per smartphone funziona solo su dispositivi con sistema operativo Android (l’80% degli smartphone presenti sul mercato è Android). iPhone ha da poco aperto l’NFC con l’uscita del modello 8; nel tempo sarà disponibile la App per gli ambienti Apple IOS.

La piattaforma è accessibile agli utenti in qualunque momento e i dati storici relativi alle spedizioni passate sono disponibili per un tempo determinato dal contratto sottoscritto con Wenda.

Non direttamente. I jODYN non devono mai entrare in contatto con il prodotto per non causare problemi di sicurezza alimentare (Food Safety). Tramite le analitiche elaborate, è possibile capire l’evoluzione del prodotto dal punto di vista chimico in base ai parametri ambientali di conservazione rilevati dai jODYN.

Dal secondo trimestre del 2018 i jODYN avranno la possibilità di essere connessi alla rete mobile, in modo che possano inviare automaticamente i dati ad ODYN, piattaforma di jODYN IoT, (dove e quando c’è connessione) senza bisogno di un’azione da parte di un operatore all’arrivo della spedizione.

Le soluzioni Wenda sono acquistabili direttamente da Wenda srl. Per maggiori informazioni, rimandiamo al form contatti nella pagina dei contatti.

L’intervallo di registrazione è configurabile in base alle necessità del cliente e può essere diverso tra i diversi jODYN.

Wenda può fornire, in base alle necessità del cliente, uno smartphone Android testato internamente e particolarmente performante ed economico nell’integrazione con le soluzioni Wenda.

Si, è possibile personalizzare sia il software sia il jODYN, con costi e tempistiche da definire.

Si. I sensori con cui possono essere implementati i jODYN sono temperatura, esposizione luminosa, umidità relativa, shock da impatto, anti-contraffazione e pressione atmosferica.
Se fossero necessari altri sensori, chiediamo gentilmente di contattare Wenda per verificarne la possibilità.

jODYN IoT permette di comprendere ciò che avviene nella distribuzione del prodotto, di sapere se e quando si manifestano condizioni che potrebbero deteriorare il prodotto, e di attribuire responsabilità dirette sul trattamento delle merci.

jODYN IoT, al momento, è utilizzato da aziende produttrici, trasportatori, importatori ed enti di ricerca sulla qualità dei prodotti.

Si, esiste la possibilità di acquistare kit di prova.

ODYN riceve i dati inviati dalla jODYN App successivamente allo scarico dati dai jODYN, li elabora trasformandoli in informazioni utili alle decisioni e li rende disponibili agli utenti che ne hanno diritto.

NFC significa Near Field Communication. In sostanza, la tecnologia NFC permette la comunicazione e lo scambio di dati tra due dispositivi posti a contatto.

I dati relativi ai propri jODYN sono resi disponibile all’utente attraverso la jODYN App e la piattaforma ODYN, quest’ultima accessibile sia da mobile sia da pc.

Al momento, le lingue disponibili sono italiano e inglese.

Non hai trovato la risposta alla tua domanda?
Compila il modulo e ti risponderemo subito.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetto la normativa sulla privacy